Documenti e oggetti di Andrea Costa donati al Comune di Imola

Martedì 15 novembre alle ore 12.00 nella Sala verde del Palazzo comunale di Imola (via Mazzini 4), alla presenza del Sindaco del Comune di Imola Daniele Manca e dell’Assessora alla cultura Elisabetta Marchetti, si è svolta la consegna di documentazione di Andrea Costa (Imola, 1851-1910), donata alla Città di Imola dalla signora Tina Girolimetti, pronipote di Maria Costa, sorella di Andrea.

La documentazione di Andrea Costa donata alla Città di Imola comprende corrispondenza, appunti, fotografie e materiali a stampa risalenti agli anni 1886-1910 (con seguiti al 1970) per un numero complessivo di 394 pezzi. Il dono comprende anche la borsa utilizzata da Andrea Costa nella sua lunga e prolifica attività di deputato al Parlamento italiano e un medaglione con effige di Giuseppe Mazzini. La documentazione è particolarmente importante e contribuisce significativamente ad accrescere la conoscenza su Andrea Costa, figura di assoluto rilievo per la storia locale e nazionale sotto il profilo civile, politico, culturale e sociale tra Ottocento e Novecento.

In particolare la corrispondenza comprende lettere e cartoline postali inviate ad Andrea Costa, sia a carattere privato che professionale relative alla sua attività politica, e minute di risposta di Costa. Tra il materiale fotografico spiccano numerosi ritratti di Andrea Costa sia poco conosciuti che ascrivibili alla sua iconografia consolidata.

La documentazione è stata donata alla Città di Imola dalla signora Tina Girolimetti, pronipote di Maria Costa, sorella di Andrea, che insieme alla sua famiglia è stata sino ad ora custode di questo importante e prezioso nucleo documentario. Su espressa volontà della donatrice, le carte sono state destinate alla Biblioteca comunale - Archivio storico comunale di Imola per la loro conservazione permanente dove sono a disposizione degli studiosi e dei cittadini.

La documentazione di Andrea Costa è entrata a far parte degli archivi privati e famigliari dell’Archivio storico comunale di Imola arricchendo così le Carte Andrea Costa già conservate nella Biblioteca comunale di Imola, fondo archivistico tra i più cospicui e consultati, oggetto negli anni passati di un rilevante percorso di valorizzazione realizzato in occasione del centenario della morte di Costa (1910-2010).