Istituzioni scolastiche ed enti di formazione


Distretto scolastico n. 33 di Imola

via Boccaccio 27, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/603253
e-mail ufficio.distretto@fastmail.it
documentazione: ml. 28 (1977-2002)
consultabile previo accordo con la presidente

Distretto scolastico n. 33 di Imola (1977- )

Il Distretto scolastico n. 33 di Imola nasce nel 1977 (in seguito al decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1974, n. 416 di Istituzione e riordinamento di organi collegiali della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica) e svolge la funzione di coordinamento tra le scuole e gli enti in genere. Si occupa inoltre di orientamento scolastico e al mondo del lavoro, di medicina scolastica, di formazione e aggiornamento per gli insegnanti, dell'organizzazione di attività extra scolastiche, di elaborazioni statistiche sulla popolazione scolastica. La circoscrizione territoriale del Distretto scolastico n. 33 di Imola comprende i comuni di Imola, Castel San Pietro Terme, Dozza, Castel Guelfo, Mordano, Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice e Castel del Rio. Il Distretto pubblica dal 1992 "On line. Foglio notizie a cura del Distretto scolastico n. 33 di Imola".

Archivio Distretto scolastico n. 33 di Imola

estremi cronologici: 1977-2002
sviluppo lineare: ml. 28
documentazione: verbali delle sedute e delibere del consiglio scolastico del distretto; corrispondenza, circolari e protocolli; bilanci e contabilità; documentazione relativa a progetti e attività; documentazione e statistiche relative alla popolazione scolastica.


CB 2002


Ente Cooperativo per l'Apprendimento (ECAP). Sede territoriale di Imola

via Pirandello 12, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/40696 - fax 0542/42033
e-mail imola@ecap.it
web www.ecap.it
documentazione: ml. 39 (1990-2002)
non consultabile

Ente Cooperativo per l'Apprendimento (ECAP). Sede territoriale di Imola (1974- )

L'attività della sede territoriale di Imola dell'Ente Cooperativo per l'Apprendimento (ECAP) è iniziata nel 1974. L'ente opera, a livello regionale, dal 1954 attraverso una struttura organizzativa articolata su nove sedi operative e decine di strutture collegate. Dal 1998 ECAP ha avviato una riorganizzazione interna che ha dato vita a un modello operativo organizzato a rete. L'obiettivo di ECAP è fare incontrare domanda e offerta di lavoro investendo soprattutto sulle risorse umane, garantendo la qualità dei processi formativi, valorizzando le peculiarità locali necessarie ad affrontare il mercato della formazione e del lavoro in generale. ECAP si è dotata di un sistema di qualità conforme alla norma dello standard europeo (UNI EN ISO 90001/1994). La sede territoriale di Imola si è specializzata in aree tematiche, in particolare: informatica, elettronica, elettrotecnica ed elettromeccanica, impianti elettrici, pneumatica, qualità e sicurezza dei luoghi di lavoro, gestione e impatto ambientale, amministrazione del personale, settore socio-sanitario.

Archivio Ente Cooperativo per l'Apprendimento (ECAP) scrl. Sede territoriale di Imola

estremi cronologici: 1990-2002
sviluppo lineare: ml. 39
documentazione: statuto; corrispondenza e protocolli; documentazione relativa al personale: contratti, documenti dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), documenti dell'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL); documentazione relativa ai corsi di formazione: delibere di approvazione dei corsi, schede allievi, prove di ammissione, registri di frequenza, prove d'esame, rendiconti.
documentazione non archivistica: biblioteca ed emeroteca.

CB 2002


Giardino d’Infanzia scuola materna in Imola

via Mazzini 65, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/23394
documentazione: ml. 38 (1849-2002)
consultabile previo accordo

Asilo infantile (1847-[1890])
Asilo Giardino Principe di Napoli in Imola ([1890]-1909)
Giardino d'Infanzia Principe di Napoli in Imola (1909-1960)
Giardino d'Infanzia scuola materna in Imola (1960- )

Promosso da un gruppo di cittadini, tra i quali il maggior sostenitore è Giuseppe Scarabelli (Imola, 1820-Imola, 1905, scienziato e politico), presidente sino al 1905, il 28 novembre 1847 viene inaugurato a Imola l'Asilo infantile. Dal 1890 circa al 1909 è denominato Asilo Giardino Principe di Napoli in Imola, dal 1909 al 1960 Giardino d'Infanzia Principe di Napoli in Imola, dal 1960 Giardino d'Infanzia. L'ente ha beneficiato di lasciti e donazioni nonché di contributi del Comune di Imola e della Cassa di Risparmio di Imola. Già istituzione pubblica di assistenza e beneficenza, l'ente acquisisce personalità giuridica privata nel 1994. Sin dalla sua istituzione, scopo dell'ente è l'educazione e l'assistenza dei bambini.


Archivio Giardino d'Infanzia scuola materna in Imola

estremi cronologici: 1849-2002
sviluppo lineare: ml. 38
documentazione: atto costitutivo e verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, consiglio di amministrazione, collegio docente; indici delle delibere del consiglio di amministrazione; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; documentazione relativa ai docenti, agli alunni e graduatorie del personale insegnante.
documentazione non archivistica: biblioteca.
storia archivistica: negli anni 1944-45 l'archivio ha subito danni in seguito agli eventi bellici. L'archivio si configura come archivio unico.
bibliografia: I. Fanti, Notizie storiche ed economiche dell'Asilo Giardino d'Imola presentate all'Esposizione delle province dell'Emilia in Bologna nel 1888, Imola, Galeati, 1888; Giardino d'infanzia Principe di Napoli (1847-1928), in Comune di Imola. Rassegna dell'attività comunale in sei anni di regime fascista edita in occasione della visita dei Reali d'Italia, 13 giugno 1928, Imola, Galeati, 1928, pp. 61-63; A. Caiazza, Asilo infantile, in Id., La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1988, pp. 88-90; F. Merlini, Giuseppe Scarabelli. Storia di un uomo e di uno scienziato, Imola, Associazione Giuseppe Scarabelli, 1999, pp. 34-35.

CB 2002


Istituto Comprensivo n. 1

via Cavour 28, 40026 Imola (BO)
tel. e fax 0542/23420
e-mail bomm170000v@istruzione.it
documentazione: ml. 230 (1863-2002)
consultabile previo accordo con il dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 1 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 1 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, sono sette gli istituti comprensivi che nascono nell'ambito del territorio del Comune di Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 1 riunisce la scuola dell'infanzia Carducci, la scuola elementare Carducci e la scuola media Innocenzo da Imola. Tali scuole rimangono tutt'ora sedi di attività didattica.


Archivio Istituto Comprensivo n. 1

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 15
documentazione: corrispondenza; documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo; documentazione relativa agli alunni.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 1, anche la documentazione delle scuole allo stesso appartenenti. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.


Circolo didattico 1° (1924-1990)

A partire dall'anno scolastico 1924-25, nel territorio imolese sono istituiti i circoli didattici. Il Circolo didattico 1°, con sede presso la scuola elementare Carducci, varia la sua composizione nel tempo: negli anni sono infatti numerose le scuole che, per periodi più o meno lunghi, ne fanno parte. In particolare si tratta delle scuole Bergullo, Cappuccini, Carducci, Casola Canina, Ghiandolino, Giardino, Marconi, Mezzocolle, Ortodonico, Pascola, Pediano, Piratello, Pontesanto, Ponticelli, Sante Zennaro, Scuola all'aperto, Torano, Zello, Zolino. Nell'anno scolastico 1990-91 il Circolo 1° viene chiuso e le scuole a quella data a esso appartenenti sono così suddivise: la scuola elementare Carducci passa al Circolo 4°; le scuole elementari Zolino e Giardino entrano a far parte del Circolo 3°, la scuola elementare Zello viene chiusa.


Archivio Circolo didattico 1°

estremi cronologici: 1924-1990
sviluppo lineare: ml. 52
documentazione: verbali del consiglio di circolo; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti; documentazione relativa ai docenti.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione del Circolo 1°, anche la documentazione delle scuole elementari appartenenti al circolo stesso. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Scuole elementari comunali urbane e rurali ([1860]-1924)

A seguito dell'annessione delle province dell'Emilia al Regno di Sardegna, nell'ottobre del 1860, la nuova amministrazione comunale di Imola ha tra i suoi primi scopi quello di riorganizzare l'istruzione elementare: nell'ex convento di San Francesco vengono così aperte la 1°, la 2° e la 3° classi elementari maschili urbane. Nel gennaio dell'anno successivo viene istituita anche una 1° classe femminile urbana. Nel 1911 la scuola elementare urbana viene trasferita nei locali dell'ex convento delle Domenicane e contestualmente intitolate a Giosuè Carducci (Valdicastello, Lucca, 1835-Bologna, 1907, poeta). Dal maggio 1861 iniziano la loro attività anche le scuole elementari rurali situate in alcune frazioni del territorio imolese, a iniziare dalla scuola maschile di Sesto Imolese e dalla scuola maschile e femminile di Sasso Morelli. All'inizio del Novecento sono 16 le frazioni con almeno una scuola elementare: oltre a Sesto Imolese e a Sasso Morelli, sono presenti scuole a Casola Canina, Ponticelli, Chiusura, Zello, S. Prospero, Torano, Lazzaretto, Giardino, Spazzate Sassatelli, Piratello, Fornace Guerrini, Pediano, Pascola, Pieve S. Andrea. Nel 1924 con l'istituzione dei circoli didattici, la scuola elementare urbana Carducci entra a far parte del Circolo didattico 1°, le scuole elementari rurali del Circolo didattico 2° (vedi Istituto Comprensivo n. 3).


Archivio Scuole elementari comunali urbane e rurali

estremi cronologici: 1897-1924
sviluppo lineare: ml. 12
documentazione: Registri dei risultati degli esami; registri di iscrizione; pagelle.
documentazione correlata: presso la Biblioteca comunale-Archivio storico comunale di Imola è presente il nucleo documentario denominato Scuole elementari comunali, mzz. 42 (1860-1900).

 

Scuola tecnica comunale (1863-1885)
Scuola tecnica (1885-1897)
Scuola tecnica Anton Maria Valsalva (1897)
Scuola complementare Anton Maria Valsalva (1897-1929)
Scuola secondaria di avviamento al lavoro Anton Maria Valsalva (1929-1932)
Scuola secondaria di avviamento professionale Anton Maria Valsalva (1932-1935)

In data 21 agosto 1860 il Consiglio comunale di Imola delibera l'istituzione in Imola di una Scuola tecnica, la cui attività inizia tuttavia solo a partire dal 1863. Nel 1885 la Scuola tecnica diventa governativa. Nel 1897 la Scuola tecnica viene intitolata ad Anton Maria Valsalva (Imola, 1666-Imola, 1723, medico e scienziato) e, a seguito della legge Gianturco 12 luglio 1896 n. 293, nello stesso anno viene trasformata in Scuola complementare. Nel 1929 si trasforma in Scuola secondaria di avviamento al lavoro, attiva sino al 1932, anno in cui diviene Scuola secondaria di avviamento professionale Anton Maria Valsalva. Dopo un breve periodo di esistenza, nel 1935 si trasforma in istituto tecnico inferiore, intitolato ad Alessandro Baldini (vedi Istituto Comprensivo n. 4).


Archivio Scuola secondaria di avviamento professionale Anton Maria Valsalva

estremi cronologici: 1863-1935
sviluppo lineare: ml. 4
documentazione: corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: domande di iscrizione, registri di classe, registri dei risultati degli esami.
storia archivistica: l'archivio si configura come archivio unico.

 

Ispettorato Scolastico circoscrizione di Imola ([1936]-[1975])

L'Ispettorato Scolastico nasce con il compito di vigilare sull'istruzione pubblica e privata, autorizzare l'apertura di scuole o di istituti privati di istruzione elementare, provvedere alla supplenza dei direttori assenti; inoltre, rilascia i certificati di servizio ai maestri e decide definitivamente sui ricorsi contro i provvedimenti dei direttori didattici. L'Ispettorato Scolastico circoscrizione di Imola aveva sede presso la scuola elementare Carducci.

Archivio Ispettorato Scolastico circoscrizione di Imola

estremi cronologici: 1936-1975
sviluppo lineare: ml. 21
documentazione: corrispondenza e protocolli; documentazione relativa ai docenti.

 

Circolo didattico 6° (1970-1986)

Il Circolo didattico 6° nasce nel 1970 con sede presso la scuola di Pontesanto e comprende le scuole di Casola Canina, Castel Guelfo, Crocetta, Giardino, Picchio, Sasso Morelli, Sellustra, Sesto Imolese, Zello. Nel 1980 si aggiunge anche la scuola di Balia. Nel 1986 il Circolo viene soppresso.


Archivio Circolo didattico 6°

estremi cronologici:1970-1986
sviluppo lineare: ml. 2
documentazione: verbali del consiglio di interclasse; registri di classe; documentazione relativa ai docenti.
storia archivistica: nel 1986, quando il Circolo 6° viene soppresso, la sua documentazione è trasferita presso la Scuola elementare Carducci. L'archivio comprende, oltre alla documentazione del Circolo 6°, anche documentazione delle scuole elementari appartenenti al circolo stesso. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti. Al momento, non si può escludere la presenza di altra documentazione del Circolo 6° presso le scuole che ne facevano parte.

 

Scuola media Innocenzo da Imola (1963-2000)

A seguito della riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859), nell'anno scolastico 1963-64 nasce la Scuola media Innocenzo da Imola (Innocenzo Francucci detto Innocenzo da Imola: Imola, 1490 circa-Bologna, 1545 circa, pittore), dalla trasformazione in scuola media inferiore della Scuola secondaria di avviamento professionale femminile Regina Elena. Sono state sedi staccate della scuola sia la Scuola media di Toscanella di Dozza (fino al 1983), sia la Scuola media Pasolini Dall'Onda di Sesto Imolese (dal 1994 al 2000). Nel 2000, con la nascita degli Istituti Comprensivi, la Scuola media Innocenzo da Imola diviene la sede dell'Istituto Comprensivo n. 1. La scuola rimane sede di attività didattica.


Archivio Scuola media Innocenzo da Imola

estremi cronologici: 1963-2000
sviluppo lineare: ml. 100
documentazione: verbali dei consigli di classe; corrispondenza; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, elaborati degli esami di licenza, verbali degli esami di licenza media; archivio del personale: documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo, graduatorie del personale insegnante, domande di supplenza, programmazione ministeriale; documentazione relativa agli alunni.

 

Scuola professionale femminile (1903-1928)
Regia scuola Regina Elena (1928-1929)
Scuola secondaria di avviamento al lavoro Regina Elena (1929-1932)
Scuola secondaria di avviamento professionale femminile Regina Elena (1932-1963)

La Scuola professionale femminile in Imola nasce nel 1813 come scuola annessa all'Orfanotrofio femminile con l'obiettivo di fornire istruzione alle giovani ospitate presso l'orfanotrofio stesso. Retta fino al 1902 da ordini religiosi, dall'anno successivo l'amministrazione diviene laica. Nel 1928 la scuola è riconosciuta Regia e intitolata alla Regina Elena e nel 1929 diviene Scuola secondaria di avviamento al lavoro, istituto che nel 1932 si trasforma in Scuola secondaria di avviamento professionale femminile Regina Elena. Nel 1963, in seguito alla riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859), diviene Scuola media Innocenzo da Imola.


Archivio Scuola secondaria di avviamento professionale femminile Regina Elena

estremi cronologici: 1910-1963
sviluppo lineare: ml. 24
documentazione: verbali dei consigli di classe; corrispondenza e protocolli; contabilità, rendiconti, cassa scolastica; archivio didattica: registri dei voti, fogli dei voti; archivio docenti: elenchi insegnanti, documentazione relativa ai docenti; elenchi alunne.
storia archivistica: l'archivio si configura come archivio unico.
bibliografia: L. Forchielli, C. Lorenzini, Le scuole elementari del Comune di Imola dal 1860 al 1887. Relazione presentata all'esposizione delle Province dell'Emilia in Bologna nel 1888, Imola, Galeati, 1889; L. Forchielli, C. Lorenzini, Le scuole elementari del Comune di Imola dal 1888 al 1904. Relazione presentata all'Esposizione Romagnola di Ravenna nel 1904, Imola, Galeati, 1904; C. Lorenzini, Relazione sull'insegnamento dei lavori femminili nelle scuole elementari d'Imola, Imola, Galeati, 1904; A. Negri, Il Comune d'Imola dalla costituzione del Regno alla fine del secolo XIX, Imola, Galeati, 1907, pp. 90-91, 133; C. Ardenti Morini, Le scuole elementari, in L'istruzione nel comune d'Imola, Imola, s.e., 1924; C. Ardenti Morini, Le Scuole Elementari Comunali nel sessennio 1924-1930, in Forum Cornelii Rassegna dell'attività comunale, Imola, Galeati, 1932; A. Caiazza, La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Galeati, Imola, 1987, pp. 90-106, 116-119, 150; L. Vivoli, L'antico convento delle domenicane in Imola ora "Scuole Carducci", Imola, Associazione Giuseppe Scarabelli, [1998?]. Sul passaggio dai circoli didattici agli istituti comprensivi si veda "On line. Foglio notizie del Distretto scolastico n. 33 di Imola", n. 61, settembre 2000, pp. 3-4.

 

CB 2002


Istituto Comprensivo n. 2

via Cenni 2, 40026 Imola (BO)
tel. e fax 0542/23768
e-mail segreteria@ic2imola.it
web www.ic2imola.it
documentazione: ml. 80 (1956-2002)
consultabile previo accordo con il dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 2 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 2 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, sono sette gli istituti comprensivi che nascono nell'ambito del territorio del Comune di Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 2 riunisce le seguenti scuole: la scuola dell'infanzia Vespignani, le scuole elementari Chiusura, Sesto Imolese, Sasso Morelli, Guglielmo Marconi e la scuola media Pasolini dall'Onda di Sesto Imolese. Tali scuole rimangono tutt'ora sedi di attività didattica.


Archivio Istituto Comprensivo n. 2

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 14
documentazione: corrispondenza e protocolli; contabilità e bilanci; registri di classe; registri dei docenti.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 2, anche la documentazione delle scuole allo stesso appartenenti. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Scuola media Pasolini dall'Onda (1963-1986). Sesto Imolese

La Scuola media Pasolini dall'Onda (famiglia ravennate nota dal secolo XIII) nasce nell'anno scolastico 1963-64 dalla trasformazione in scuola media della sede di Sesto Imolese della Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile; tale trasformazione avviene in seguito alla riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859). Nell'anno scolastico 1986-87 la Scuola media Pasolini dall'Onda perde la sua autonomia divenendo sede staccata della Scuola media Giovanni Pascoli di Mordano (vedi Istituto Comprensivo n. 4) e dall'anno scolastico 1993-94 sede staccata della Scuola media Innocenzo da Imola (vedi Istituto Comprensivo n. 1), sino al 2000, anno di nascita degli Istituti Comprensivi: da questa data la Scuola media Pasolini dall'Onda entra a far parte del Comprensivo n. 2.

Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile ([ante 1956]-1963)

La Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile, di cui non è certa la data di inizio dell'attività, ha sede a Sesto Imolese e a Mordano e dipende dall'Istituto professionale per l'agricoltura Luca Ghini di Imola (vedi Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini). Nell'anno scolastico 1963-64, a seguito della riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859), la Scuola statale di avviamento professionale interrompe la sua attività, trasformandosi a Sesto Imolese nella Scuola media Pasolini dall'Onda e a Mordano nella Scuola media Giovanni Pascoli (vedi Istituto Comprensivo n. 4).


Archivio Scuola media Pasolini dall'Onda. Sesto Imolese

estremi cronologici: 1956-1986
sviluppo lineare: ml. 14
documentazione: verbali degli esami di licenza media; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, elaborati degli esami di licenza; archivio docenti: domande di supplenza, incarichi e supplenze insegnanti.
documentazione non archivistica: biblioteca.
storia archivistica: l'archivio comprende anche documentazione della Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile (1956-1963). Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.
documentazione correlata: documentazione relativa alla Scuola media Pasolini dall'Onda (1956-1986, ml. 10) è conservata anche presso la scuola media Anton Maria Valsalva. In particolare: corrispondenza e protocolli; contabilità; registri generali dei voti; archivio personale insegnante e amministrativo; archivio alunni. Presumibilmente questo si giustifica con il passaggio della scuola media Giovanni Pascoli di Mordano da sede centrale della Pasolini dall'Onda (dal 1986 al 1993) a sede staccata della scuola media Anton Maria Valsalva (dal 1993 al 2000).

 

Circolo didattico 4° (1963-2000)

Il Circolo didattico 4°, nato nell'anno scolastico 1963-64 con sede presso la Scuola elementare Marconi, comprende le scuole elementari Bagnarola, Dozza, Monte del Re, Toscanella, oltre alla scuola Marconi. La composizione del Circolo didattico 4° varia nel tempo, infatti nel corso degli anni sono numerose le scuole elementari che ne fanno parte; si tratta delle scuole Bagnarola, Carducci, Castel Guelfo, Dozza, Marconi, Pambera e Toscanella. Nel 2000 l'istituzione degli istituti comprensivi e la chiusura dei circoli didattici comportano una ridistribuzione delle scuole appartenenti al Circolo 4°: la scuola elementare Marconi, sede del Circolo didattico 4°, diviene sede del Comprensivo n. 2.


Archivio Circolo didattico 4°

estremi cronologici: 1963-2000
sviluppo lineare: ml. 52
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di circolo, collegio docente, consiglio di interclasse; corrispondenza e protocollo; contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, schede di valutazione degli alunni, registri dei risultati degli scrutini e degli esami; documentazione relativa ai docenti.
storia archivistica: l'archivio comprende la documentazione del Circolo 4° e delle scuole elementari appartenenti al circolo stesso.
bibliografia: sul passaggio dai circoli didattici agli istituti comprensivi si veda "On line. Foglio notizie del Distretto scolastico n. 33 di Imola", n. 61, settembre 2000, pp. 3-4.


CB 2002


Istituto Comprensivo n. 3

via Gioberti 3, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/22789 - fax 0542/25605
e-mail segreteriaic3@imolanet.com
documentazione: ml. 84 (1924-2002)
consultabile previo accordo con il dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 3 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 3 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, si costituiscono 9 istituti comprensivi, 7 dei quali hanno sede in Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 3 si estende oltre il territorio comunale, comprendendo le seguenti scuole: le scuole dell'infanzia San Prospero e Pulicari; le scuole elementari Campanella (sede del Comprensivo), Pulicari, di Bubano, di Mordano; la scuola media Giovanni Pascoli di Mordano.

Archivio Istituto Comprensivo n. 3

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 8
documentazione: verbali del consiglio di istituto; corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti; documentazione relativa ai docenti.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 3, anche la documentazione delle scuole allo stesso appartenenti. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Circolo didattico 2° (1924-2000)

A partire dall'anno scolastico 1924-25 sono istituiti a Imola i circoli didattici. Negli anni sono numerose le scuole che, per periodi più o meno lunghi, appartengono a questo circolo: Bagnarola, Balia, Buon Pastore, Campanella (dal 1960 sede del Circolo), Cantalupo, Casola Canina, Chiusura, Comezzano, Coraglia, Dozza, Fornace Guerrini, Ghiandolino, Giardino, Le Volte, Mezzocolle, Montecatone, Monte del Re, Ortodonico, Pascola, Pediano, Pieve S. Andrea, Piratello, Pontesanto, Ponticelli, Pulicari, Punta Molineto, S. Prospero, Sante Zennaro, Sasso Morelli, Scuola all'aperto, Sellustra, Sesto Imolese, Spazzate Sassatelli, Torano, Toscanella, Zello. Nel 2000, con l'istituzione degli istituti comprensivi e la chiusura dei circoli didattici, la scuola elementare Campanella, sede del Circolo 2°, diviene sede del Comprensivo n. 3.

Archivio Circolo didattico 2°

estremi cronologici: 1924-2000
sviluppo lineare: ml. 76
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di circolo, collegio dei docenti; corrispondenza, circolari e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: documentazione relativa alle iscrizioni degli alunni, registri di classe, registri dei docenti, schede di valutazione alunni, elaborati degli esami di licenza, registri dei risultati degli esami; documentazione relativa ai docenti; documentazione relativa alle elezioni del consiglio scolastico.
storia archivistica: l'archivio comprende la documentazione del Circolo didattico 2° e delle scuole elementari appartenenti al circolo stesso.
bibliografia: sul passaggio dai circoli didattici agli istituti comprensivi si veda "On line. Foglio notizie del Distretto scolastico n. 33 di Imola", n. 61, settembre 2000, pp. 3-4.


CB 2002


Istituto Comprensivo n. 4

via Guicciardini 8, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/22264 - fax 0542/30871
e-mail bomm17300a@istruzione.it
documentazione: ml. 245 (1935-2002)
consultabile previo accordo con il dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 4 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 4 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, sono sette gli istituti comprensivi che nascono nell'ambito del territorio del Comune di Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 4 riunisce la scuola dell'infanzia Rodari, le scuole elementari Rodari e Pelloni Tabanelli, la scuola media Valsalva, sede dell'Istituto stesso.


Archivio Istituto Comprensivo n. 4

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 19
documentazione: corrispondenza; contabilità; archivio didattica: registri dei risultati degli esami, registri di classe, registri dei docenti, documentazione relativa agli esami di licenza, compiti in classe; documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo; documentazione relativa agli alunni.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 4, anche la documentazione delle scuole allo stesso appartenenti. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Scuola media Anton Maria Valsalva (1944-2000)

La Scuola media Anton Maria Valsala (Imola, 1666-Imola, 1723, medico e scienziato) nasce nel 1944 dalla trasformazione dell'Istituto tecnico inferiore Alessandro Baldini in scuola media. Nell'anno scolastico 1994-95 la scuola media Giovanni Pascoli di Mordano diviene sede staccata della Valsalva. Nel 2000, a seguito della nascita degli Istituti Comprensivi, la Valsalva perde la sua autonomia e diviene sede del Comprensivo n. 4. La scuola rimane sede di attività didattica.


Archivio Scuola media Anton Maria Valsalva

estremi cronologici: 1944-2000
sviluppo lineare: ml. 147
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, consiglio di presidenza, collegio docenti, consigli di classe; corrispondenza e protocolli; contabilità, rendiconti, registri degli stipendi; archivio didattica: registri generali dei voti, registri di classe, registri dei docenti, compiti in classe, verbali degli esami di licenza e documentazione relativa; archivio del personale: documentazione relativa al personale insegnante e amministrativo, programmi didattici, ordini di servizio del personale; documentazione relativa agli alunni.
altri documenti: biblioteca.

 

Istituto tecnico inferiore Alessandro Baldini (1935-1944)

L'Istituto tecnico inferiore Alessandro Baldini (Imola, 1902-Imola, 1923) nasce nel 1935 dalla trasformazione della Scuola secondaria di avviamento professionale Anton Maria Valsalva (vedi Istituto Comprensivo n. 1) in istituto tecnico. Nel 1944 l'Istituto diviene Scuola media Anton Maria Valsalva.


Archivio Istituto tecnico inferiore Alessandro Baldini

estremi cronologici: 1935-1944
sviluppo lineare: ml. 5
documentazione : Verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: collegio docente e consigli di classe; corrispondenza; contabilità; registri degli esami; registri degli stipendi.

 

Scuola media Giovanni Pascoli (1963-1993). Mordano

La Scuola media Giovanni Pascoli (San Mauro di Romagna, 1855-Castelvecchio, 1912, poeta) nasce nell'anno scolastico 1963-64 dalla trasformazione della sede di Mordano della Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile; tale trasformazione avviene in seguito alla riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859). Nell'anno scolastico 1986-87 la Scuola media Giovanni Pascoli acquisisce la sede staccata della Scuola media Pasolini Dall'Onda di Sesto Imolese. Nell'anno scolastico 1993-94 diventa sede staccata della Scuola media Anton Maria Valsalva (vedi Istituto Comprensivo n. 4). Nel 2000, a seguito della nascita degli Istituti Comprensivi, entra a far parte del Comprensivo n. 3. La scuola rimane sede di attività didattica.

Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile ([ante 1956]-1963)

La Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile, di cui non è certa la data di inizio dell'attività, ha sede a Sesto Imolese e a Mordano e dipende dall'Istituto professionale per l'agricoltura Luca Ghini. Nell'anno scolastico 1963-64, a seguito della riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859), la Scuola statale di avviamento professionale si trasforma a Mordano nella Scuola media Giovanni Pascoli.


Archivio Scuola media Giovanni Pascoli. Mordano

estremi cronologici: 1960-1993
sviluppo lineare: ml. 16
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, collegio docente, consigli di classe; corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri dei docenti e registri dei risultati degli esami; archivio del personale: documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo, domande di supplenza; documentazione relativa agli alunni.
storia archivistica: l'archivio comprende anche documentazione della Scuola statale di avviamento professionale tipo agrario maschile e industriale femminile (1960-1963). Attualmente i nuclei documentari non sono distinti. La documentazione è stata presumibilmente trasferita presso la scuola media Anton Maria Valsalva nel 1993, anno in cui la Scuola media Pascoli diventa una sede distaccata della Valsalva.

 

Circolo didattico 5° (1970-1990)
Circolo didattico 1° (1990-2000)

Il Circolo 5°, con sede presso la scuola elementare Alberghetti, nasce nell'anno scolastico 1970-71 e comprende le scuole elementari Alberghetti, dal 1987 denominata Gianni Rodari (Omegna, 1920-Roma, 1980, scrittore e giornalista), Balia (passata nel 1980 al Circolo 6°), Bubano, Cantalupo, Chiusura, Ghiandolino, Mordano, Spazzate Sassatelli (passata nel 1980 al Circolo 6°). Nel 1980 entra a far parte del Circolo anche la scuola Pelloni-Tabanelli. Nel 1990, in seguito alla soppressione del Circolo didattico 1° (vedi Istituto Comprensivo n. 1), il Circolo didattico 5° modifica la denominazione in Circolo didattico 1° senza cambiare né la composizione delle scuole (Rodari, Chiusura, Pelloni-Tabanelli, Mordano, Bubano) né la sede (via Tiro a Segno 5). Nel 2000 l'istituzione degli istituti comprensivi e la chiusura dei circoli didattici comportano una ridistribuzione delle scuole appartenenti al nuovo Circolo 1°: le scuole elementari Rodari e Pelloni-Tabanelli entrano a far parte del Comprensivo n. 4, Chiusura del Comprensivo n. 2, Mordano e Bubano del Comprensivo n. 3.


Archivio Circolo didattico 1°

estremi cronologici:1939-1962; 1970-2000
sviluppo lineare: ml. 58
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio scolastico provinciale, consiglio scolastico distrettuale, consiglio di circolo, consiglio di interclasse, elezioni degli organi collegiali; corrispondenza, circolari e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, registri dei risultati degli esami; documentazione relativa ai docenti e al personale ausiliario; schede anagrafe scolastica.
storia archivistica: l'archivio, oltre alla documentazione del Circolo didattico 5°, dal 1990 Circolo didattico 1°, e delle scuole elementari appartenenti, comprende i registri dei risultati degli esami delle scuole elementari di Mordano e Bubano (1939-1962). Nel 1970, a seguito dell'ingresso delle scuole elementari di Bubano e Mordano nel Circolo didattico 5°, perviene presso il circolo documentazione di tali scuole dal 1939 al 1962; documentazione dal 1963 al 1970 è presso il Circolo didattico 3°. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.
bibliografia: A. Caiazza, Le Scuole medie, in Id., La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1988, pp. 118, 150. Sul passaggio dai circoli didattici agli istituti comprensivi si veda "On line. Foglio notizie del Distretto scolastico n. 33 di Imola", n. 61, settembre 2000, pp. 3-4.


CB 2002


Istituto Comprensivo n. 6

via Villa Clelia 18, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/40238 - fax 0542/628162
e-mail icomprensivosei@libero.it
documentazione: ml. 126 (1963-2002)
consultabile previo accordo con dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 6 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 6 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica smministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, sono sette gli istituti comprensivi che nascono nell'ambito del territorio del Comune di Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 6 riunisce le seguenti scuole: la scuola dell'infanzia Pontesanto, le scuole elementari Cappuccini e Zolino-Rubri, la scuola media Villa Clelia.


Archivio Istituto Comprensivo n. 6

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 24
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di Istituto, organi collegiali interni, collegio docenti; corrispondenza e protocolli; contabilità e bilanci; documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo; documentazione relativa agli alunni.
storia archivistica: l'archivio comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 6, anche la documentazione delle scuole allo stesso appartenenti. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Circolo didattico 3° (1963-2000)

Il Circolo didattico 3° nasce nell'anno scolastico 1963-64. La composizione del Circolo didattico 3° varia nel tempo, infatti nel corso degli anni sono numerose le scuole elementari che ne fanno parte; si tratta delle scuole di Bubano, Cappuccini (sede del Circolo), Comezzano, Fontanelle, Giardino, Le Volte, Mezzocolle, Montecatone, Mordano, Pedagna, Pieve S. Andrea, Ponticelli, Sasso Morelli, Sellustra, Torano, Zolino-Rubri. Nel 2000 l'istituzione degli istituti comprensivi e la chiusura dei circoli didattici comportano una ridistribuzione delle scuole appartenenti al Circolo 3°: la scuola elementare Cappuccini, sede del Circolo didattico 3°, diviene sede del Comprensivo n. 6.


Archivio Circolo didattico 3°

estremi cronologici: 1963-2000
sviluppo lineare: ml. 54
documentazione: verbali e delibere degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di circolo, organi collegiali interni, collegio docenti; corrispondenza, circolari e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, registri dei risultati degli esami; documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo.
storia archivistica: l'archivio comprende la documentazione del Circolo didattico 3° e delle scuole elementari appartenenti al circolo stesso (1963-2000). Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Scuola media Villa Clelia (1975-2000)

La Scuola media Villa Clelia nasce nel 1975. Dopo essere stata a lungo sede distaccata della Scuola media Andrea Costa, nel 1996 ne diviene la sede centrale senza mutare la propria denominazione. Nel 2000, a seguito della nascita degli Istituti Comprensivi, perde la sua autonomia ed entra a far parte del Comprensivo n. 6. La scuola rimane sede di attività didattica.


Archivio Scuola media Villa Clelia

estremi cronologici: 1975-2000
sviluppo lineare: ml. 48
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consigli di classe, elezioni degli organi collegiali; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri degli insegnanti e registri dei risultati degli esami; documentazione relativa ai docenti e agli alunni.
bibliografia: sul passaggio dai circoli didattici agli istituti comprensivi si veda "On line. Foglio notizie del Distretto scolastico n. 33 di Imola", n. 61, settembre 2000, pp. 3-4.


CB 2002


Istituto Comprensivo n. 7

via Pio IX 1, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/40930 - fax 0542/45519
e-mail segrie7@virgilio.it
documentazione: ml. 84 (1929-2002)
consultabile previo accordo con il dirigente scolastico

Istituto Comprensivo n. 7 (2000- )

L'Istituto Comprensivo n. 7 di Imola nasce nel 2000, a seguito dell'applicazione della legge 15 marzo 1997 n. 59, "Delega al governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa". L'attuazione dell'autonomia per gli istituti scolastici, prevista da tale legge, ha comportato una riorganizzazione del servizio scolastico territoriale, imperniato su nuove istituzioni, gli istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media. All'interno del Distretto Scolastico n. 33 di Imola, sono sette gli istituti comprensivi che nascono nell'ambito del territorio del Comune di Imola. In particolare l'Istituto Comprensivo n. 7 riunisce la Scuola elementare Pedagna e la Scuola media Luigi Orsini.

Scuola media Luigi Orsini (1963-2000)

La Scuola media Luigi Orsini (Imola, 1873-Imola, 1954, letterato) nasce nell'anno scolastico 1963-64 dalla trasformazione in scuola media inferiore della Scuola di Avviamento Professionale Francesco Alberghetti, a seguito della riforma scolastica di istituzione e ordinamento della scuola media statale (legge 31 dicembre 1962, n. 1859). Nel 2000, a seguito della nascita degli Istituti Comprensivi, la Scuola media Luigi Orsini perde la sua autonomia e diviene sede del Comprensivo n. 7. La scuola rimane sede di attività didattica.

Scuola di Avviamento Professionale Francesco Alberghetti (1929-1963)

La Scuola di Avviamento Professionale Francesco Alberghetti (Imola, 1762-Imola, 1851, medico e scienziato), nata nel 1929 come scuola aggregata della Regia Scuola Industriale Francesco Alberghetti, nel 1962 ottiene l'autonomia dall'Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato (IPIA) Francesco Alberghetti, già Regia scuola industriale (vedi Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti), ma già nel successivo anno scolastico, si trasforma in scuola media.


Archivio Istituto Comprensivo n. 7

estremi cronologici: 1929-
sviluppo lineare: ml. 84
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto e consigli di classe; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti; documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo; documentazione relativa agli alunni.
storia archivistica: l'archivio ha subito un incendio nel 1991, incendio che ha distrutto parte della documentazione. Attualmente comprende, oltre alla documentazione dell'Istituto Comprensivo n. 7, anche documentazione delle scuole allo stesso appartenenti (Scuola elementare Pedagna e Scuola media Luigi Orsini), documentazione della Scuola di Avviamento Professionale Francesco Alberghetti e della Scuola media Luigi Orsini. I nuclei documentari non sono distinti.
bibliografia: A. Caiazza, Le Scuole medie, in Id., La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1988, p. 150.


CB 2002


Istituto di Addestramento Lavoratori (IAL) Emilia Romagna. Agenzia formativa di Imola

via Garibaldi 59, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/26011 - fax 0542/30312
e-mail ialerimola@ariannadsl.it
web www.ialemiliaromagna.it
documentazione: ml. 75 (1985-2002)
non consultabile

Istituto di Addestramento Lavoratori (IAL) Emilia Romagna. Agenzia formativa di Imola (1985- )

L'Istituto di Addestramento Lavoratori (IAL) Emilia Romagna per la formazione professionale è un'organizzazione no-profit della Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori (CISL). È presente, attraverso le agenzie formative, in tutte le province della regione. L'agenzia formativa di Imola, nata nel 1985, svolge annualmente circa 3.500 ore di formazione raggiungendo circa 1.000 utenti. In particolare effettua attività formativa rivolta sia a disoccupati (con corsi di qualifica, post-diploma, riconversione professionale) sia a lavoratori (con corsi di qualificazione, specializzazione, aggiornamento). Le aree prioritarie di intervento sono: commercio ed economia, meccanica, informatica e telecomunicazioni, lingue, servizi socio assistenziali, ristorazione e scienze dell'alimentazione. L'agenzia di Imola offre inoltre servizi di orientamento scolastico e professionale, consulenza alle imprese per attività di formazione e progettazione formativa.

Archivio Istituto di Addestramento Lavoratori (IAL) Emilia Romagna. Agenzia formativa di Imola

estremi cronologici: 1985-2002
sviluppo lineare: ml. 75
documentazione: statuto, verbali di riunioni; corrispondenza e protocolli; documentazione relativa ai corsi: elenchi iscritti, materiale preparatorio, rendiconti; documentazione relativa ai docenti; documentazione relativa agli allievi.

CB 2002


Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti

via Pio IX 3, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/44024 - fax 0542/44296
e-mail segreteria@alberghetti.it
web www.alberghetti.it
documentazione: ml. 528 (1881-2002)
consultabile previo accordo con il responsabile amministrativo

Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti (2000- )

L'Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti (Imola, 1762-Imola, 1851, medico e scienziato) nasce il 1° settembre 2000 dall'unione dell'Istituto Tecnico Industriale di Stato (ITIS) Francesco Alberghetti e dell'Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato (IPIA) Francesco Alberghetti. Dopo l'unione, i due istituti rimangono sedi di attività didattica. La sede legale-amministrativa dell'Istituto di Istruzione Superiore è presso l'Istituto Tecnico Industriale.


Archivio Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 30
documentazione: corrispondenza e protocolli; contabilità e bilanci; registri di classe; documentazione relativa ai docenti.

 

Scuola comunale di Arti e Mestieri (1881-1904)
Scuola industriale Francesco Alberghetti (1904-1917)
Regia scuola industriale Francesco Alberghetti (1917-1933)
Regia scuola tcnica Francesco Alberghetti (1933-1945)
Scuola tecnica Francesco Alberghetti (1945-1959)
Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato (IPIA) Francesco Alberghetti (1959-2000)

La Scuola comunale di Arti e Mestieri viene istituita dal Comune di Imola con delibera del Consiglio comunale in data 15 gennaio 1881, a seguito del lascito del medico imolese Francesco Alberghetti. Con testamento del 1846, consegnato al notaio Raimondo Pirazzoli, Francesco Alberghetti nomina erede di un patrimonio di 58.000 scudi il Comune di Imola; tale patrimonio doveva essere usato "in oggetti soltanto che [favorissero] le arti, i mestieri, l'agricoltura e la pastorizia" (Atto di ultime volontà del dottore Francesco Alberghetti pubblicato da alcuni concittadini, Imola, Galeati, 1856, p. 7) e per migliorare le condizioni sociali dei suoi concittadini più poveri. Fra le clausole del testamento c'è inoltre la volontà di creare una scuola "in cui s'insegni la matematica applicata alle arti seguendo le tracce del barone Dupin" (in idem, p. 8). Il Comune istituisce così la Scuola di Arti e Mestieri che ha tra i suoi compiti originari quello di preparare tecnici per il mondo dell'industria e dell'artigianato.Nel 1904 viene statalizzata e posta sotto la diretta sorveglianza del Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio e assume il nome di Scuola Industriale Francesco Alberghetti. Nel 1917 ottiene il riconoscimento governativo di scuola Regia. Con l'istituzione di un nuovo triennio di studi a cui accedere dopo la Scuola di avviamento professionale Francesco Alberghetti (vedi Istituto Comprensivo n. 7), dal 1933 al 1945 diviene Regia scuola tecnica. A partire dal 1959 diventa Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato. Il 30 agosto 2000, l'unione all'ITIS Francesco Alberghetti ha dato vita all'Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti. I due istituti rimangono tutt'ora sedi di attività didattica.


Archivio Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato (IPIA) Francesco Alberghetti

estremi cronologici: 1881-2000
sviluppo lineare: ml. 323
documentazione: corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; registri degli iscritti; registri generali dei voti; documentazione relativa ai docenti.
documentazione non archivistica: biblioteca.
storia archivistica: l'archivio si configura come archivio unico.

 

Istituto Tecnico Industriale di Stato (ITIS) Francesco Alberghetti (1964-2000)

Nel 1964, l'Istituto Tecnico Industriale, in attività a Imola dal 1960 come sezione dell'Istituto Tecnico Industriale Guglielmo Marconi di Forlì, ottiene l'autonomia e viene intitolato a Francesco Alberghetti. Dal 30 agosto 2000, l'unione con l'Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato (IPIA) Francesco Alberghetti dà vita all'Istituto di Istruzione Superiore ITIS-IPIA Francesco Alberghetti. L'ITIS e l'IPIA rimangono tutt'ora sedi di attività didattica, nonché l'ITIS sede legale-amministrativa dell'Istituto di Istruzione Superiore.


Archivio Istituto Tecnico Industriale di Stato (ITIS) Francesco Alberghetti

estremi cronologici: 1964-2000
sviluppo lineare: ml. 175
documentazione: corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità, rendiconti, registri tasse scolastiche; archivio didattica: iscrizioni matricole, registri generali dei voti; documentazione relativa ai docenti.
documentazione non archivistica: biblioteca.
bibliografia: L. Anelli, Relazione e progetto di statuto-regolamento per la Scuola Alberghetti d'arti e mestieri in Imola, Imola, Tip. Galeati, 1884; Atti deliberazioni riguardanti l'Istituto Comunale Alberghetti in Imola, Imola, Galeati, 1886; M. Pagella, Perché l'Istituto Alberghetti sia amministrato dal Comune d'Imola, Imola, Tip. Galeati, 1889; Statuto e Regolamento della Scuola Comunale Alberghetti di Arti e Mestieri d'Imola, Imola, Galeati, 1901; Alcuni dati illustrativi sulla Scuola Industriale Alberghetti in Imola, Imola, Galeati, 1907; Scuola Industriale Alberghetti, Statuto-Regolamento-Programma, alcuni dati illustrativi, Imola, Galeati, 1911; M.G., La Regia Scuola "Alberghetti" di Imola, in "Il Carlino della Sera", 2 ottobre 1928; R. Scuola industriale F. Alberghetti, in Forum Cornelii. Rassegna dell'attività comunale 1931, Imola, Galeati, 1931, pp. 97-114; E. Bugini, Regia scuola industriale "F. Alberghetti", in Forum Cornelii Rassegna dell'attività comunale, Imola, Ed. Galeati, 1932, pp. 97-103; E. Bugini, Origini e sviluppo della Regia scuola industriale "F. Alberghetti", Imola, Galeati, 1932; Scuola Tecnica Industriale Statale F. Alberghetti, Una scuola che ha ragione di vivere, Imola, Galeati, 1957; A. Preti, L'istruzione industriale negli anni Trenta: la scuola F. Alberghetti in Imola, in Scuola ed educazione in Emilia-Romagna fra le due guerre, Bologna, CLUEB, 1983; C. Montevecchi, L'Alberghetti, dal mestiere alla professionalità operaia, Imola, Santerno, 1985; A. Caiazza, Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato "G. [sic] Alberghetti" e Istituto Tecnico Industriale Statale "Alberghetti", in Id., La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1987, pp. 123-132.


CB, Luciana Zannerini 2002


Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini

via Ascari 15, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/600001 - fax 0542/24832
e-mail ita.amm@imola.queen.it
documentazione: ml. 370 (1906-2002)
consultabile previo accordo con il preside

Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini (1996- )

L'Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini nasce nel 1996 dall'unione dell'Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Scarabelli (Imola, 1820-Imola, 1905, scienziato) e dell'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente Luca Ghini (Imola, 1490-Bologna, 1556, medico). Dopo l'unione, lo Scarabelli e il Ghini rimangono sedi di attività didattica. La sede legale-amministrativa dell'Istituto di Istruzione Superiore è presso lo Scarabelli.

Archivio Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini

estremi cronologici: 1996-2002
sviluppo lineare: ml. 24
documentazione: documentazione relativa alla elezione degli organi collegiali; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità: registri tasse scolastiche, registri stipendi, registri inventari; archivio didattica: registri di classe, compiti in classe, registri generali dei voti, elaborati e verbali degli esami di Stato; archivio del personale: documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo, programmazione insegnanti, programmazione ministeriale, registri di servizio dei docenti, domande di supplenza; documentazione relativa agli alunni.

 

Regia scuola pratica di agricoltura (1883-1924)
Scuola agraria media (1924-1933)
Regio istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli (1933-1945)
Istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli (1945-1996)

L'Istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli è fondato nel 1883 col nome di Regia scuola pratica di agricoltura. Nel 1924 si trasforma in Scuola agraria media e, infine, dal 1933 al 1945 in Regio istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli. Nel 1996 l'aggregazione con l'Istituto professionale chimico e biologico Luca Ghini ha dato vita all'Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini. I due istituti rimangono tutt'ora sedi di attività didattica, nonché, lo Scarabelli, sede legale-amministrativa dell'attuale Istituto di Istruzione Superiore.

Archivio Istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli

estremi cronologici: 1906-1996
sviluppo lineare: ml. 133
documentazione: verbali delle elezioni degli organi collegiali e documentazione relativa; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità: registri delle tasse scolastiche, registri degli stipendi, registri inventari; archivio didattica: registri di classe, compiti in classe, registri generali dei voti, elaborati e verbali degli esami di Stato; archivio del personale: registri degli stati di servizio dei docenti, documentazione relativa ai docenti e al personale amministrativo, domande di supplenza, programmazione insegnanti e ministeriale; documentazione relativa agli alunni.
documentazione non archivistica: biblioteca.
storia archivistica: l'archivio si configura come archivio unico.

 

Istituto professionale chimico e biologico Luca Ghini (1961-1996)

L'Istituto scolastico Luca Ghini viene inaugurato nel 1961 con i corsi di fruttiviticoltore e meccanico agricolo. Nel 1969, con l'approvazione della sperimentazione negli istituti professionali, sono aggiunti corsi biennali o triennali per poter così dare la possibilità agli studenti di iscriversi alle facoltà universitarie. Nel 1996 l'aggregazione con l'Istituto tecnico agrario Giuseppe Scarabelli ha dato vita all'Istituto di Istruzione Superiore Scarabelli-Ghini. I due istituti rimangono tutt'ora sedi di attività didattica.

Archivio Istituto professionale chimico e biologico Luca Ghini

estremi cronologici: 1961-1996
sviluppo lineare: ml. 213
documentazione: verbali dei consigli di classe e registri delle delibere; corrispondenza, circolari e protocolli; bilanci e contabilità: registri di cassa, mandati, residui attivi e passivi, reversali, anagrafe tributaria, tabelle stipendi, estratti conto corrente postale; archivio didattica: documentazione relativa alle iscrizioni degli studenti, alle lezioni e ai viaggi di istruzione, registri di classe, compiti in classe, tabelloni degli scrutini, registri generali dei voti, giudizi di ammissione agli esami, documentazione relativa agli esami di qualifica e di maturità, verbali degli esami di Stato; archivio del personale: fogli di presenza del personale docente e amministrativo, registri delle assenze degli insegnanti, documentazione relativa ai docenti, programmazione insegnanti; documentazione relativa agli alunni.
documentazione non archivistica: biblioteca (circa 3800 volumi).
bibliografia: La Regia Scuola Agraria d'Imola nell'anno scolastico 1907-1908, Imola, Ungania, 1908; P. Bandi, La Regia Scuola pratica di Agricoltura, Imola, Galeati, 1924; R. Scuola agraria media di Imola da 1925 al 1931, in Forum Cornelii. Rassegna dell'attività comunale 1931, Imola, Galeati, 1931; L. Vivarelli, La R. Scuola Agraria Media di Imola dal 1925-1931, in Forum Cornelii Rassegna dell'attività comunale, Imola, Galeati, 1932; L. Puecher Passavalli, Il contributo dell'Istituto Tecnico Agrario G. Scarabelli di Imola al progresso economico agrario della regione, Imola, Galeati, 1951; Istituto Agrario Tecnico Statale "G. Scarabelli" della provincia di Bologna con sede in Imola. Un Istituto che non deve morire, Imola, Galeati, 1952; L. Puecher Passavalli, L'Istituto Tecnico Agrario "G. Scarabelli" Imola. Attività varie svolte nell'anno scolastico 1958-59, Imola, Galeati, 1959; Istituto agrario. Inaugurazione nuovo convitto, Imola, Galeati, 1968; L. Puecher Passavalli, M. Vivarelli, I cento anni di vita dell'Istituto Tecnico Agrario "G. Scarabelli" Imola (1883-1983), Imola, Galeati, 1983; A. Caiazza, La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1987, pp. 132-142, pp. 148-150.

 

CB 2002


Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano

via Guicciardini 2, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/22260 - fax 0542/27357
e-mail segreteria@paocas.it
web www.paocas.it
documentazione: ml. 307 (1950-2002)
consultabile previo accordo con il responsabile amministrativo

Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano (2000- )

L'Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano nasce nel 2000 dall'unione dell' Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Luigi Paolini (Pesaro, 1852-Imola, 1930, economista) e dell'Istituto Professionale per i servizi commerciali e turistici Cassiano da Imola (III-IV secolo d.C., patrono di Imola). Dopo l'unione, il Paolini e il Cassiano rimangono sedi di attività didattica. La sede legale-amministrativa dell'Istituto di Istruzione Superiore è presso il Paolini.


Archivio Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano

estremi cronologici: 2000-2002
sviluppo lineare: ml. 15
documentazione: corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: giudizi di ammissione agli esami, spese relative alla strumentazione, orari; programmazione insegnanti; documentazione relativa alle elezioni dei consigli di classe.

 

Istituto tecnico commerciale Luigi Paolini (1961-1990)
Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri (ITCG) Luigi Paolini (1990-2000)

Nel 1961, l'istituto tecnico commerciale, in attività a Imola dal 1960 come sede distaccata dell'Istituto tecnico Pier Crescenzi di Bologna, ottiene l'autonomia e viene intitolato a Luigi Paolini. Dal 1990 allarga la sua proposta didattica: oltre al corso tecnico-commerciale, attiva anche i corsi per geometri. Nel 2000, l'unione con l'Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici Cassiano da Imola dà vita all'Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano. Il Cassiano e il Paolini rimangono tutt'ora sedi di attività didattica, nonché quest'ultimo sede legale-amministrativa dell'Istituto Superiore di Istruzione.


Archivio Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Luigi Paolini

estremi cronologici: 1961-2000
sviluppo lineare: ml. 135
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, consigli di classe; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, giudizi di ammissione agli esami, elaborati degli esami di maturità, spese relative alla strumentazione; documentazione relativa ai docenti e agli alunni.
documentazione non archivistica: biblioteca per gli insegnanti e biblioteca per gli alunni.
storia archivistica: l'archivio si configura come archivio unico.

 

Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici (IPSSCT) Cassiano da Imola (1974-2000)

Nel 1974 la sede imolese dell'Istituto professionale femminile Aldrovandi-Rubbiani di Bologna, presente a Imola sin dal dopoguerra, ottiene l'autonomia, assumendo la denominazione di Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici Cassiano da Imola. Nel 2000, l'unione con l'Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Luigi Paolini dà vita all'Istituto Superiore di Istruzione Commerciale Paolini-Cassiano. I due istituti rimangono tutt'ora sedi di attività didattica.


Archivio Istituto Professionale per i servizi commerciali e turistici Cassiano da Imola

estremi cronologici: 1974-2000
sviluppo lineare: ml. 147
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, organi collegiali, consigli di classe; corrispondenza e protocolli; bilanci e contabilità; archivio didattica: registri di classe, documentazione relativa alla didattica, verbali degli esami di Stato; documentazione relativa ai docenti e agli alunni.

 

Istituto Tecnico Commerciale Virgilio (1950-1984)

L'Istituto Tecnico Commerciale Virgilio nasce nel 1950 come scuola privata con sede in via Cavour 111; la sua attività si è conclusa nel 1984.


Archivio Istituto Tecnico Commerciale Virgilio

estremi cronologici: 1950-1984
sviluppo lineare: ml. 10
documentazione: corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri di classe, giudizi di ammissione agli esami, spese relative alla strumentazione; programmazione insegnanti.
storia archivistica: quando nel 1984 l'Istituto Tecnico Commerciale Virgilio cessa l'attività, la documentazione è trasferita nei locali dell'Istituto Tecnico e per Geometri Luigi Paolini.
documentazione non archivistica: negli anni 1985-1986 la biblioteca dell'Istituto è stata donata alla Biblioteca comunale di Imola.
bibliografia: A. Caiazza, La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1987, pp. 120-122, 146-148.


CB 2002


Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola

via Guicciardini 4, 40026 Imola (BO)
tel. 0542/22021 - fax 0542/23103
e-mail segreteria@imolalicei.it
web www.imolalicei.it
documentazione: ml. 276 (1887-2002)
consultabile previo accordo con la segreteria

Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola (1997- )

Il Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola nasce nel 1997 dall'aggregazione del Liceo scientifico Luigi Valeriani (Imola, 1758-Imola, 1828, economista e matematico) con sezione di Liceo classico Benvenuto Rambaldi (Imola, 1336 circa- 1390 circa, letterato e umanista) all'Istituto magistrale Alessandro da Imola (Imola, 1424-Imola, 1477, giurista). I tre istituti rimangono tutt'ora sedi di attività didattica, nonché il Liceo scientifico sede legale-amministrativa del Polo liceale.

Liceo scientifico Luigi Valeriani con sezione di Liceo classico Benvenuto Rambaldi (1989-1997)

Nel 1989 il Liceo scientifico Luigi Valeriani aggrega, come sezione, il Liceo classico Benvenuto Rambaldi.


Archivio Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola

estremi cronologici: 1989-2002
sviluppo lineare: ml. 80
documentazione: verbali del consiglio di istituto; corrispondenza e protocolli; archivio didattica: registri di classe, registri degli insegnanti, elaborati degli esami di Stato e in classe; documentazione relativa ai docenti e agli alunni.
storia archivistica: l'archivio comprende anche documentazione del Liceo scientifico Luigi Valeriani con sezione di Liceo classico Benvenuto Rambaldi (1989-1997). Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.

 

Liceo scientifico Luigi Valeriani (1952-1989)

Il Liceo scientifico di Imola nasce nell'anno scolastico 1945-46 come sezione del Liceo scientifico Augusto Righi di Bologna e così resta fino al 1952, anno in cui ottiene l'autonomia. Nel 1960 viene intitolato a Luigi Valeriani (Imola, 1758-Imola, 1828, economista e matematico). Nel 1989 al Liceo scientifico è aggregato il Liceo classico Benvenuto Rambaldi che diventa sezione dello stesso Liceo scientifico. Nel 1997, con l'aggregazione dell'Istituto magistrale Alessandro da Imola, si costituisce il Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola.


Archivio Liceo scientifico Luigi Valeriani

estremi cronologici: 1952-1989
sviluppo lineare: ml. 110
documentazione: verbali del consiglio di istituto; corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri degli insegnanti, registri dei voti, elaborati degli esami di Stato e in classe; documentazione relativa ai docenti e agli alunni.
documentazione non archivistica: biblioteca.

 

Liceo classico Benvenuto Rambaldi (1940-1989)

Nel 1940, dall' unione del Regio Ginnasio Benvenuto Rambaldi e del Regio Liceo classico, nasce il Liceo classico Benvenuto Rambaldi. Nel 1989 il Liceo classico è annesso come sezione al Liceo scientifico Luigi Valeriani. Dal 1997 rientra nel Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola.

Ginnasio comunale di Imola (1804-1887)
Regio ginnasio di Imola (1887-1893)
Regio ginnasio Benvenuto Rambaldi (1893-1940)

Il Ginnasio comunale di Imola è istituito nel 1804 con delibera del Consiglio comunale. Nel 1887 ottiene il riconoscimento governativo ed è dichiarato regio (regio decreto n. 4823 del 7 luglio 1887). Nel 1893 il Ginnasio viene intitolato al letterato imolese Benvenuto Rambaldi. Nel 1940 il Regio Ginnasio Benvenuto Rambaldi è unito al Regio Liceo classico di Imola: nasce così il Liceo classico Benvenuto Rambaldi.

Liceo classico ([1860]-1940)
Regio liceo classico (1940- )

Il Liceo classico, in attività in modo saltuario sin dal 1860, viene definitivamente istituito e riconosciuto come regio con decreto in data 16 ottobre 1940 del ministro della Pubblica Istruzione Bodrero. Nello stesso anno, il Regio Liceo classico è unito al Regio Ginnasio Benvenuto Rambaldi: nasce così il Liceo classico Benvenuto Rambaldi.


Archivio Liceo classico Benvenuto Rambaldi

estremi cronologici:1806-1989
sviluppo lineare: ml. 50
documentazione: verbali degli organi direttivi e collegiali, in particolare: consiglio di istituto, consigli di classe; corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri dei docenti, registri generali dei voti, elaborati degli esami di Stato; archivio docenti: documentazione relativa ai docenti, domande di supplenza; archivio alunni: elenchi degli alunni, diplomi non ritirati.
documentazione non archivistica: biblioteca.
storia archivistica: l'archivio comprende anche documentazione del Ginnasio comunale di Imola, del Regio Ginnasio di Imola, poi Regio Ginnasio Benvenuto Rambaldi e del Liceo classico, poi Regio Liceo classico. Attualmente i nuclei documentari non sono distinti.
documentazione correlata: Presso la Biblioteca comunale-Archivio storico comunale di Imola è presente un nucleo documentario denominato Ginnasio comunale di Imola, bb. 8 (1806-1884).

 

Istituto magistrale Alessandro da Imola (1934-1997)

L'Istituto magistrale di Imola nasce nel 1934. Solo nel dopoguerra viene intitolato ad Alessandro da Imola. Nel 1997 il Liceo scientifico Luigi Valeriani con sezione di Liceo classico Benvenuto Rambaldi ha aggregato anche l'Istituto magistrale: si viene a costituire così il Polo liceale Rambaldi-Valeriani e Alessandro da Imola.


Archivio Istituto magistrale Alessandro da Imola

estremi cronologici: 1934-1997
sviluppo lineare: ml. 116
documentazione: verbali del consiglio di istituto; corrispondenza e protocolli; contabilità; archivio didattica: registri di classe, registri dei docenti, elaborati degli esami di Stato e in classe; documentazione relativa alle elezioni dei rappresentanti di istituto.
documentazione non archivistica: biblioteca.
bibliografia: R. Ginnasio "Benvenuto Rambaldi" Imola, Annuario scolastico 1924-25, Imola, Galeati, 1926; A. Caiazza, La scuola in Imola dal Settecento al Novecento, Imola, Galeati, 1987, pp. 106-116; 142-146.


CB 2002