Corrado T.

ha subito i bombardamenti nemici al fronte mentre si trovava in infermeria: “vedo sempre cadermi addosso delle macerie” dice in manicomio. In preda a spavento e disperazione, piangendo ripete agli psichiatri “mi ammazzano, mi ammazzano, mi cade addosso la casa”.