Archivio notarile mandamentale di Imola

m.l. 348 (1916-2006)

L'Archivio notarile mandamentale di Imola fu istituito su richiesta e a spese dei comuni componenti il mandamento imolese (Imola, Dozza e Mordano) con regio decreto del 29 giugno 1879, n. 4949. Nell'agosto 1884 furono aggregati al mandamento di Imola anche i comuni di Castel del Rio, Fontanelice e Tossignano. L'Archivio mandamentale entrò regolarmente in funzione il primo novembre 1884, con sede prima nel Palazzo Comunale, poi, dal 1913, presso la Biblioteca. Nel 1923, al mandamento imolese si aggiunsero i comuni di Castel San Pietro, Casalfiumanese e Castel Guelfo.

L'Archivio mandamentale comprende le copie degli atti pubblici e delle scritture private trasmesse annualmente dall'Agenzia delle entrate di Imola (Ufficio del registro sino al 1996).

Periodicamente gli atti precedenti agli ultimi cento anni e i relativi repertori vengono versati per la conservazione permanente dall'Archivio notarile mandamentale alla Sezione di Archivio di Stato di Imola.

 Fondo archivistico

 Archivio notarile mandamentale di Imola, ml. 348 (1916-2006): copie degli atti pubblici e delle scritture private trasmesse annualmente dall'Agenzia delle entrate di Imola; documentazione riguardante la gestione amministrativa dell'Archivio notarile mandamentale.

Strumenti di ricerca

  • Archivio notarile mandamentale di Imola. Inventario, a cura di Paola Mita, 1996, revisione 2013.
  • Repertori delle parti contraenti presenti negli atti pubblici, 1911-2002.